Ei fu, siccome il mobile…

No, non immobile.. Proprio il mobile. La libreria! Spiego: …Quando capita di essere nel bel mezzo di un trasloco interno, ovvero un cambio di stanze all’interno della medesima casa, può capitare che ti trovi a dover fare a meno di un pezzo importante dell’arredo di casa. Il pezzo in questione è una libreria che, per importanza e imponenza, era uno dei punti focali della sala. Inoltre conteneva un enorme numero di mie carabattole di ogni genere, quindi di difficile eliminazione, perchè da accumulatore compulsivo la sola idea di gettare qualcosa che, chissà, forse, può darsi, magari un giorno potrebbe venire utile, non la riuscivo neanche a concepire. L’ unico modo che mia moglie ha trovato per sfoltire la giungla di aggeggi che imbosco in ogni dove è quella d’inventarsi dei traslochi, veri o interni che siano, all’interno dei quali si perdono cose… Lo so, dicono sia una vera e propria sindrome, come d’altronde pare che lo sia anche l’ordine compulsivo, l’incasellare cose e oggetti ognuno nel suo posto preciso. Insomma io e lei ci integriamo: io accumulo e lei scumula, io disordino e lei riordina. Meno male che nostra figlia è un buon compromesso delle due cose/persone. Disordinata ma nel limite, attenta alla pulizia ma non in modo ossessivo. 

Giancarlo, Nadia e Martina
Il Ferc, la signora Ferc e la bimba Ferc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.