QUANTE PALLE…

Sette palloni firmati in sette momenti della mia professione…

Sino a poco tempo fa non avevo tempo di rimpiangere il tempo dedicato alle riprese di questo sport. Passato dall’essere spettatore, poi tifoso, poi narratore in radio, a seguire assistente alla regia per concludere regista, i palloni da basket e chi li usava ( e li usa tuttora), sono sempre stati soggetti di particolare interesse, prima personale poi professionale.
Dal Mc Donald’s Open dell’89 a Roma, primo pallone a sinistra con firme dei Nuggets e di Milano allora sponsorizzata Tracer Philips, per arrivare a quel pallonaccio in gomma colorata sul quale però ci sono tutte le firme della nazionale italiana medaglia d’oro degli Europei di Francia del 1999. Ancora adesso il ricordo più caro da regista televisivo… Poi c’è quello di gara 2 della finale scudetto 2005 con le firme di Milano e poi il ritiro della maglia di Mike D’Antoni, il ritorno di Gallinari ecc. ecc. Adesso, ridotti forzatamente gli impegni da parquet , mi sono messo a fare un pò d’ordine… Arriverò anche a riordinare (lì sarà più difficile) tutti i Pass, anche perché facendo un conto spannometrico di tutte le partite dirette in trent’anni, tra campionato, playoffs, coppe varie, Eurolega, tornei estivi, basket maschile, femminile, lega A2 e compagnia palleggiante siamo sulle diverse centinaia, tante… Più vicino alle mille che alle cinquecento.
Se mi sono annoiato? Avere la fortuna di lavorare su una cosa che ti diverte non è da tutti e quindi anche le poche che mi hanno annoiato me le son fatte andar bene comunque. Come si dice: tirare la lima è un’altra cosa. Essendo stato uno scarsone quando giocavo, ho trovato il modo di fare qualcosa di buono per il basket, non potendolo fare in campo. Spero….

Copia della medaglia d’oro vinta dall’Italia nel 1999

2 commenti su “QUANTE PALLE…”

  1. Hey there are using WordPress for your site platform?

    I’m new to the blog world but I’m trying to get started and create my own. Do you need any html coding knowledge to make your own blog?

    Any help would be really appreciated!

  2. Hi, no, no need for html. He’s a Wysiwyg, “What you see is what you get”, and you ve got a lot of developed themes that you can adjust to your needs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.