acciaccato

momento sole… ma poi torna la pioggia

Dopo due o tre giorni nei quali il leit-motiv è stato, pioggia, sole, umido, pioggia , sole, umido, pioggia, sole, umido… accompagnato da sciatalgia, mal di denti il tutto rigorosamente mixato in parti uguali, la definizione del titolo è veramente il minimo sindacale…
In questi giorni di acciacco ti rendi conto di quanto, anche le minime cose, possano destabilizzarti. Quando stiamo bene pensiamo di essere invulnerabili, poi basta che si sommino un paio di cose e immediatamente scatta il malessere moltiplicato da ipocondria maschile. Non è leggenda, noi uomini siamo così: ci bastano un paio di linee di febbre e chiediamo l’intervento della croce rossa. Qualche cosa di più e chiamiamo al capezzale i parenti per un ultimo saluto… Oltre all’incapacità cronica di affrontare qualsiasi tipo di disturbo, noi moltiplichiamo: siamo come quei gratta e vinci dove c’è un fattore di moltiplica se azzecchi un numero particolare, solo che qui moltiplichi i disturbi, i lamenti e i fastidi per gli altri. L’altra conseguenza (per me la più fastidiosa) è quella di far fatica a concentrarsi e fare le cose che fai normalmente. Per me lo star bene è quando riesci a mettere insieme i pensieri, a dare loro un senso e fare le cose di conseguenza e se anche un solo pezzo del puzzle manca, crolla il mondo…Siamo proprio fragili, altro che sesso forte.

Un commento su “acciaccato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.