DR.FERCHILL O MR.GIANC?

purtroppo repertorio…

Domandona… di questi tempi di quarantena, se mi vedessi dall’esterno forse mi prenderei a sberle. Perché da ipocondriaco recidivo amplifico qualsiasi cosa e la trasformo in un sintomo… L’unica cosa differente dalla vecchia versione “ipo” è l’uso di un ansiolitico blando a base di melatonina invece che i bastardi chimici usati in passato, più difficili da scrollarseli di dosso che da assumerli. Intendiamoci: sono quasi sempre cosciente che è la mia testa che s’inventa le cose, ma bombardati come siamo da informazioni e immagini, il qualcosa che spezza la catena, come diceva il mio medico, ci vuole, poi bisogna fare, inventarsi qualcosa da fare per non rimanere vittime oltre che della malattia anche della propria testa… Si passa dalla disattenzione di una volta al bardarsi anche per scendere in cantina a fare scorta di acqua o altro. Ci si barcamena tra l’essere prudente sino all’esagerazione, scaricando anche la tensione sulle persone con le quali condividi questa reclusione forzata. Anche l’inattività ( o forse sopratutto l’inattività) contribuisce ad amplificare questo stato.
Se i primi giorni , come molte altre persone, schiacciavo pisolini random, ogni tanto, in qualsiasi ora del giorno pagandolo poi la notte con l’occhio sbarrato sul soffitto contando tutti i secondi, adesso l’occupazione si diversifica: l’importante è ridurre l’impatto delle news, che non vuol dire far finta di niente, ma non rimanerne vittime, limitando la cosa in alcuni orari per gli aggiornamenti e poco altro e occupare il tempo nel modo più proficuo, produttivo o anche semplicemente coinvolgente. Dobbiamo stare attenti e seguire le regole, questa è la base, ma non dobbiamo lasciarci soffocare. Prudenti ma attivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.