E lezioni anti ci patè

Nonsense: potrebbe essere il sottotitolo generico dei miei post e di questo in particolare. Quando sproloquiavo in radio era la matrice delle mie trasmissioni: il GianParlo era già il classico nome omen. Il passare di palo in frasca era la regola, e raramente il nesso tra un argomento e l’altro era da ricercare tra le sinapsi sparse in giro… Adesso che la pensione ha preso il sopravvento, la tentazione di rimettermi, come dicono in Toscana, “a chiacchiera” è veramente forte. Solo che le radio sono cambiate , alcune in meglio, altre molto meno: quelle nazionali sono fatte con lo stampino e quelle a scartamento più ridotto non hanno più le voci buone e scimmiottano quelle “ricche”. Oltre al fatto che un animatore Over 60 potrebbe generare sospetti e dubbi… Eppure un’autonomia di un paio d’orette dovrei essere in grado di reggerle, anche perchè le scalette offline oggi prevedono mediamente : intervento live 50″, musica 3’30”, station break 10″, cluster spot 1’30”, station break 10″,musica 3’30” … Con questa cadenza forse reggo ancora tre ore!
Se pensate che faccio parte di quella generazione che prendeva la mazzetta di quotidiani e da lì tirava fuori gli argomenti… Adesso col web , un braccio legato dietro la schiena è meno difficile. Non voglio fare il fenomeno, mi divertivo tanto allora e mi divertirei ancora adesso a intrattenere gli ascoltatori,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.