Archivi tag: Natale

MIX DI EMOZIONI

Da Natale fino alla fine di Gennaio, sono emozioni che si palesano, a volte lievi o a volte più intense. Quella che non vorrei provare è quella che riguarda la persona nella foto: mia mamma, che il 10 di questo mese se n’è andata in silenzio ormai diciassette anni fa e nonostante comincino ad essere tanti è come se fosse ieri. L’attesa di una telefonata che quotidianamente ci facevamo che non arriva. Provo più volte a chiamare io con lo stesso esito. A questo punto chiedo a una persona cara che stava vicino a lei di passare e provare a citofonare e niente. Il resto è facilmente immaginabile. Io ero talmente sconvolto che una parte di quella sera l’ho rimosso e se non ci fossero stati mia moglie e altre persone care non sarei stato capace di affrontare la situazione. E questa emozione si ripropone ogni anno in questi giorni, alleggerita un pochino dal 13 e dal 14 gennaio, il mio compleanno e quello di mio fratello che a furia di chiedere a suo tempo un fratellino, se lo vide recapitare quasi per il suo decimo compleanno… Poi ci sono tanti piccoli contorni, le feste passate con la famiglia, le telefonate tra me e un mio amico e compagno di classe, nati a pochi giorni di differenza e che non ci dimentichiamo mai di farci. Insomma, come ho intitolato questo post: un mix di emozioni. E’ vero che emotivo come sono è difficile evitarle, basta che capiti o che veda qualcosa che tocca le mie (troppo) sensibili corde e il groppo allo stomaco o l’occhio che si appanna o, peggio ancora, la voce che si spezza mentre le racconto. Quest’anno, insieme a tutto questo, siamo riusciti a organizzare una rimpatriata di famiglia, cosa rara e quindi anche tanto importante. Non siamo più in tanti purtroppo ,a questo l’ha resa ancora più particolare ed emozionante, anche perchè c’era anche la prima arrivata della nuova generazione…

LONG TRAIN HOME

serenità

Non sono abituato a scrivere mentre vado a trecento all’ora, però ci provo. Più o meno a metà del viaggio, tra Napoli e Milano su di un treno ad alta velocità (e oggi anche comodità, visto il posto molto confortevole), con la musica del mio Ipod nelle orecchie, tra un sonnellino e l’altro conciliato dal movimento è il momento di rimettere in movimento le meningi… Come al solito non c’è niente di meglio che allontanarsi per avere una visuale migliore di tutto quello che normalmente ti è vicino. Casa, famiglia, lavoro e e tutto quello che fa parte abitualmente della vita quotidiana..e rendersi conto che mancano è paradossalmente di conforto.
Vedere che continuano ad essere importanti, che il tempo non ha intaccato gli affetti, che la routine non è riuscita ad macinare i rapporti con il mio (molto) prossimo.
Ed è la stessa sensazione di sicurezza, tranquillità e perché no, di benessere, che si ha quando si è vicini alle persone care. Sarò anche condizionato dall’effetto Christmas, quello che ci rende momentaneamente (speriamo di no) più buoni, ma confido nel fatto che sia una cosa più duratura, perché nata molto prima delle feste…

Sono passate quasi 24 ore da queste righe, sono a casa e quel senso di tranquillità persiste, ed è un buon segno. Anche perché da buon meteoropatico dovrei essere di pessimo umore: qui il grigio più grigio del grigio è il colore dominante del cielo, con una pioviggine noiosa e fastidiosa, che ti toglie la voglia di uscire e di fare qualsiasi cosa.
Però, mi giro, vedo la mia famiglia in giro per casa, il mio cane che chiede coccole e crocchette, qualche apparecchio televisivo o radiofonico in sottofondo che non dice niente di particolare ma crea una base sulla quale parlare, ragionare e mettere i miei sempre presenti acufeni in seconda fila e tutto sommato va bene così.
La settimana si propone abbastanza neutra, con impegni sui generis al lavoro, riunioni, qualche special natalizio da registrare e nel week end l’ultima giornata del campionato di calcio da produrre prima della pausa natalizia.
Ad incastro in questi impegni, visite presso qualche amico e parente per gli auguri, gli ultimi acquisti per i regali e “varie ed eventuali”. Insomma, una discreta normalità che è indice di quello al quale bisognerebbe aspirare sempre: non la tanto aspirata felicità ma una serenità abbastanza costante, non noiosa ma neanche faticosa… Insomma : Serene Feste.<

…un pò per lavoro e un pò per celia…

lucciole per lanterne…le lanterne ci sono…

Una pausetta di qualche giorno durante il quale casa mia si è trasformata in un cantiere… Cambiamenti e traslochi interni, spostamento mobili con tutto quello che c’è sopra: soprammobili, centinaia di libri e altro. Smontaggio o spostamento di alcuni di questi, imbianchino per casa, nessun posto camere da letto a parte agibile o fruibile, scatole, scatoloni, scatolette e rotture di scatole ovunque. Un buon motivo per non avvicinarsi ad una tastiera no? Anche perché io ho le dita grosse e i ditoni non vanno molto d’accordo con i tastini degli smartphone… Cos’è successo di rilevante nel post-Natale sino al pre-Capodanno?Routine, a parte i preparativi per quello di cui sopra e i tentativi di addestramento di Alexa, regalatami da figlia e genero. Sto cercando di capire se sono io che cerco di addomesticare questo “assistente personale intelligente”, così lo definisce Wikipedia, o è lei(lui?) che lo fa con me… Di sicuro qualcosa di utile lo fa, come Siri o gli altri assistenti virtuali: se t’incavoli, hai una valvola di sfogo che non se la prende, ti butta fuori di casa o peggio… Al massimo ti risponde in modo molto urbano e inglese l’equivalente di “… ma perché mi dici questo…?” Intanto l’inverno dal punto di vista meteorologico e la sua immagine tradizionale si fa attendere : come potete vedere nella foto che introduce questo post, albe su albe una più spettacolare dell’altra con temperature molto lontane da quelle normali del periodo e passeggiate con Mou che cominciano incappottati, sciarpati e imberrettati e finiscono con giacconi slacciati, sciarpe , berretti e guanti infilati nelle tasche a farti sembrare un canguro con marsupio… Altra attesa, vedere per esempio se i divieti e le segnalazioni dei vari comuni a non usare i botti verranno seguite un pò di più. Alla loro scomparsa non ci spero, però magari cominciare a capire che fanno più male che bene, sarebbe già un passo avanti. Sarà il primo capodanno senza il pauroso Jolly, che ci ha lasciati durante questo brutto 2018. Ti creavamo una zona della casa in cui potevi stare sentendo il meno possibile il rumore che ti terrorizzava… Speriamo in un anno che tenda a migliorare qualcosa, senza proclami, diciamo con la volontà di fare qualcosa di positivo, qui e nel mondo…

Vigile alla vigilia

Mou natalizio

Per molti è già festa e gli antipasti cominciano già a sommarsi alla lasagna o al primo piatto della regione di provenienza ( in Italia sono talmente tante le combinazioni…). Io ho passato la giornata svegliandomi un paio d’ore prima del solito ed ho cominciato prima fare tutte quelle cose che faccio dopo… Aprire le persiane, scoprire che la giornata dal punto di vista meteorologico non avrebbe avuto niente a che vedere con il natale, con un vento dal nome da asciugacapelli, caldo… Poi preparare la colazione per il resto della famiglia e dopo averla fatta, uscire con Mou a passeggiare, tra parco e paese . Una decina di chilometri con tutto il mondo a spasso vista la bellissima giornata… Dopodiché, niente lavoro, un bel 8 ore di permesso con preparativi natalizi e non, tanti scambi di auguri social e asocial , e poi il clou della giornata: la spesa delle ultime cose per il pranzo di Natale. Affettati, antipasti, schifezzuole di ogni genere in un ipermercato in cui si muovevano come walkin’ dead gente che ci entra solo una o due volte l’anno. Avete presente gli autoscontri al Luna Park? Uguale… Intanto Auguri di un sereno Natale.